L’associazione “Nel nome del rispetto” si prefigge l’obiettivo di seminare la cultura del rispetto e dell’amore nelle nuove generazioni.

In un contesto sociale complesso come il nostro sembra fondamentale educare al sentimento che porta a riconoscere i diritti, il decoro, la dignità e la personalità di ciascuno, e quindi ad astenersi da ogni manifestazione che possa offendere se stessi o gli altri così da poter riaffermare e difendere i valori positivi di una sana e pacifica convivenza democratica.

Pertanto l’associazione si propone di promuovere, valorizzare e realizzare la cultura della comunicazione, della solidarietà, della comprensione dell’individuo e della personalità di ogni essere umano, proprio nel nome del rispetto che dovrebbe costituire elemento indissolubile di ogni individuo inserito nella società civile.

 


Nel Nome del Rispetto presenta
Rispetta te stesso e l’altro diventando un soggetto attivo della società”
Con il patrocinio della Provincia di Perugia, della Regione Umbria dalla Prefettura di Perugia, dall'ufficio scolastico regionale e dalla Federazione nazionale dei diritti umani. il 26 ottobre 2020 è stata presentata in streaming dall’Associazione “Nel Nome del Rispetto” la V edizione del concorso-sondaggio nazionale, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, che ha per tema: Rispetta te stesso e l’altro diventando un soggetto attivo della società”. L’edizione 2020 si arricchisce dei temi: “Il rispetto attraverso il linguaggio musicale” e indirizzato esclusivamente agli studenti universitari: “L’intelligenza artificiale nel rispetto dell’intelligenza emotiva”.

L’incontro si è aperto con i saluti della Presidente della Regione, Donatella Tesei che sta sostenuto la proposta di istituire la “Giornata nazionale del Rispetto”, un progetto che si augura che possa concretizzarsi essendo questo argomento un patrimonio di tutti a prescindere dall’orientamento politico.  Ha preso poi la parola il Prefetto di Perugia Armando Gradone che nel solco di chi lo aveva preceduto, ha aderito con grande convinzione e sensibilità al progetto dell’associazione. Nel portare i salti del Presidente della Provincia di Perugia, Luciano Bacchetta, la Consigliera Erika Borghesi da sempre vicina all’associazione,Parole alle quali si è associata l'ispettore tecnico dell’Ufficio scolastico regionale, Maria Rita Pitone che forte di un lungo percorso di docente in filosofia ha accolto con grande interesse il progetto che in un periodo durante il quale le relazioni umane sono ridotte propone di non far perdere ai nostri ragazzi opportunità formative. Nuovo testimonial dell’associazione è il già Procuratore generale e magistrato Fausto Cardella, molto interessato da anni al percorso formativo del sodalizio al quale ha offerto sempre importanti spunti di riflessione sullo stretto rapporto tra diritto e rispetto. Dal regista Gianfranco Albano al generale Meglio storici testimonial del sodalizio è arrivata l’esortazione ai genitori e agli insegnanti di essere un esempio per i giovani